Come utilizzare Facebook
Pubblicato il 08/08/2013, scritto da Matteo Biasi.
Come forse avranno già notato alcuni dei miei amici, negli ultimi mesi sono stato a studiare le dinamiche di funzionamento dei Social Network; in particolare ho osservato come gli utenti interagiscono e si fanno influenzare da Facebook. Ho infatti provato ogni settimana una differente tipologia di post ed un differente approccio con le persone all'interno del network. Quindi ecco qui, secondo quello che sono riuscito a dedurre in questi mesi, una lista di consigli e considerazioni che condivido con voi per poter utilizzare al meglio Facebook.


I migliori tipi di post

  • Prediligi la pubblicazione di immagini. Le immagini a maggiore impatto sono quelle divertenti o di bei paesaggi. Le foto personali, come la serata con gli amici, interessano a molte meno persone e svelano anche alcuni dettagli della tua vita personale. Caricheresti mai online il tuo album di famiglia?


  • I post di attualità sanno sempre attirare molte persone. Prova ad esporre il tuo giudizio su un fatto recentemente accaduto e vedrai che molte persone commenteranno per dire la loro.


  • Frasi divertenti, battute e barzellette sanno sempre strappare un sorriso ed i tuoi amici non vedranno l'ora che ne pubblicherai di nuove per divertirsi un po'.


  • Presentando le tue idee ed i tuoi prodotti apparirai come persona intelligente ed attiva, attirando molte persone, che saranno sempre curiose di assaporare le novità che gli stai per presentare.


  • Prediligi i post brevi. Online nessuno ha voglia di leggere più di cinque righe.


  • Infine il mio consiglio è sempre quello di pubblicare al massimo un post ogni due-tre giorni. L'eccessiva pubblicazione di contenuti finirà per stufare i tuoi amici, che lentamente inizieranno ad ignorarti. Invece con post meno frequenti risulterai molto più enigmatico e quindi interessante. Pubblica sempre i post in modo disinteressato, giusto per il piacere di condividere qualcosa. Evita assolutamente la sfida a chi prende più like o a chi ha il profilo più bello. Cerca di essere semplicemente naturale.



    I tipi di post da evitare

  • Evita di condividere i momenti più importanti della tua vita. Così facendo perderebbero di valore.


  • Evita la continua pubblicazione di foto di serate in discoteca e simili; tieniti questi ricordi tra te ed i tuoi amici (Così non perdono di valore! No?). Non contare sul buon senso delle persone, nella rete ci mettono poco a darti del poco di buono. Evita foto fatte da solo/a davanti allo specchio o con la telecamera frontale del tuo cellulare.
      Per le ragazze:

    • Pubblica al massimo 1-2 foto all'anno di te in bikini. In internet le persone giudicano a priori e ci vuole ben poco per attribuirti il ruolo di quella di facili costumi.


  • Evita i post del tipo Sta piovendo, perché oltre a che irritare la maggior parte delle persone che li leggono, non ti faranno altro che apparire stupido/a.


  • Non conversare pubblicamente in modo stupido con un tuo amico/una tua amica. Anche se vuoi sapete che state scherzando, i terzi che leggono potrebbero pensare che invece siate realmente così. Per questo tipo di conversazioni esiste la chat privata.


  • Evita post tristi dove fai vedere che in quel momento sei in difficoltà. Le persone ti giudicheranno ben presto come depresso/a ed in poco tempo ti prenderanno in giro, o useranno questo tuo momento di debolezza per arrivare a te ed abbindolarti. Insomma, se ci sono cose che fai fatica a dire ai genitori o ai tuoi amici, scriverle pubblicamente su Facebook è sicuramente la cosa peggiore. Sarebbe meglio trovare la forza ed affrontare il problema seriamente con una persona vicino a te che veramente vuole farti del bene. Se non ce la fai a far questo, valuta sempre la possibilità di andare da un professionista che possa aiutarti.


  • Infine ricordati che ciò che è pubblicato ormai è nella rete e da li non va più via. Renditi conto che appena carichi qualcosa su Facebook, automaticamente viene copiata in decine di server del mondo. È per questo motivo che non ti lasciano eliminare completamente l'account. Inoltre, se pubblichi qualcosa e la rimuovi dopo poco tempo perché ti sei pentito/a, ormai centinaia di persone l'avranno già vista e togliendola finiresti solo per farci una figura peggiore. Quindi pensaci prima almeno due volte.



    Le relazioni nel web

    Come ho scritto nella mia riflessione sulla realtà del web, che pubblicherò a breve, le relazioni online sono completamente differenti da quelle del mondo umano. Probabilmente per via della mancanza di molte interazioni, come per esempio il semplice abbraccio, le persone si sentono più libere di comunicare in chat, eliminando qualsiasi tipo di timidezza o paura. Ciò che però molti ignorano e spaventa, è che in chat si tende a parlare con persone sconosciute anche in modo molto amichevole, quando invece ricevendo un SMS del genere da uno/a sconosciuto/a nemmeno gli si risponderebbe. È quindi importante anche nel web chiedersi chi si ha di fronte ed evitare di dare troppa confidenza agli sconosciuti, anche se sono amici dei vostri amici. Dando infatti solo il semplice accesso al tuo account, accettando una richiesta d'amicizia (Augurandoci che il tuo profilo fosse accessibile a solo gli amici), un possibile mal intenzionato potrebbe in poche scoprire la tua residenza e raggiungerti. È quindi fondamentale accettare l'amicizia solo da persone che si conoscono nella realtà umana (Come del resto consiglia anche Facebook), oppure, se proprio dovete aggiungere una persona come amico per motivi di lavoro ecc., basta applicare i comodissimi filtri per la privacy che Facebook mette a disposizione da anni.



    Sfatiamo un mito

    Alcune persone insistono ancora nell'ignorare Facebook e simili, sostenendo che sono una moda e che non servono a nulla. Sbagliato! I Social Network sono utilissimi per mantenersi in contatto con le persone e le notizie provenienti da tutto il mondo. Escludersi da questa realtà del web è come escludersi da una parte del mondo. Avendone la possibilità, è da stolti rifiutare i Social Network e non iscriversi. Perché in realtà il pericolo non è fare parte di quest'ultimi, ma non sapere come vanno usati; infatti, come per tutte le nuove cose, bisogna prima imparare ad utilizzarle. I Social Network hanno delle potenzialità incredibili, ora sta a noi saperli utilizzare con la testa. Un'ultima cosa: forse sarebbe importante che i genitori tenessero d'occhio il comportamento dei propri figli anche nei Social Network. In pochissimi lo fanno, perché ignorano i rischi. Ma chi lascerebbe il proprio figlio/la propria figlia tredicenne esporre in piazza le sue foto "da modello/a"?



    La dipendenza

    Dopo mesi di utilizzo intenso di Facebook, ho notato di aver sviluppato una non indifferente dipendenza, che mi spinge ad accedere molteplici volte al giorno al network e a pubblicare sempre più frequentemente contenuti. Mi sono reso conto però che lasciando sempre aperto Facebook non riuscivo più ad ottimizzare le mie ore di lavoro e perdevo continuamente tempo, perché venivo costantemente distratto da ciò che accadeva nella rete. Inoltre mi sono pentito di aver pubblicato diversi contenuti, che forse, se li avessi tenuti per me ed i miei amici, adesso avrebbero tutto un altro valore. L'impregno che mi prendo adesso è quindi una progressiva disintossicazione dai Social Network, accedendo al massimo 3-4 volte al giorno e pubblicando solamente qualche contenuto ogni tanto.



    Questo studio mi è anche servito per sviluppare FlashBeing, quello che io ho definito il primo Real Network e che dovrei riuscire a rilasciare entro la fine dell'anno. :)

    Ricordo infine che queste sono considerazioni personali, a cui sono giunto dopo una serie di valutazioni ed osservazioni. Se la tua idea è differente, esponila qui sotto commentando! :D
    Blog comments powered by Disqus
    Segui Matteo Biasi Blog!
    Share on Myspace
    © 2018 Matteo Biasi Blog

    Tema creato da Matteo Biasi
    Basato su MBBlog v1.7, © 2018 MBBlog
    P. IVA: 02810790218
    © 2018 Matteo Biasi Blog
    Basato su MBBlog v1.7, © 2018 MBBlog - Tema creato da Matteo Biasi